Atti del Convegno storico internazionale




descargar 1.75 Mb.
títuloAtti del Convegno storico internazionale
página2/31
fecha de publicación26.06.2016
tamaño1.75 Mb.
tipoDocumentos
b.se-todo.com > Economía > Documentos
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   31

La curia papale tra XV e XVI secolo*


Voglio raccontare un sogno.

È il sogno di un umanista che, nei primi anni del Quat­trocento, è a Roma per cercare impiego in curia. È l’alba, dall’alto di una montagna, forse Monte Mario, guarda verso la valle, dove una cloaca emana vapori mefitici di decompo­sizione e di morte. Le piogge hanno trasformato tutto in fan­go e nel fango una moltitudine dal volto e dall’aspetto umano ma con piedi di toro e con code di setola. Vicino, in una grotta, un altro gruppo, altrettanto numeroso, ma di aspetto gentile, con volti di fanciullo e corpo lanoso, come quello delle pecore. I fanciulli si lasciano stringere dagli altri e li se­guono docilmente. Una voce dall’alto spiega che il Padre cele­ste, nella sua suprema giustizia, ha voluto che la perfidia dei malvagi si abbrutisse come quella degli animi. Una schiera armata di negri circonda la valle con spade sguainate, fruste di frassino,asce, archi e frecce. Con queste uccidono i mostri semiumani, massacrano e sventrano i peccatori, dalle vicere di uno dei giovani è strappato un bambino, i nergri frugano tra i corpi smembrati, strappano altri neonati e li divorano schiacciandoli tra i denti.

I segnali sparsi nel testo, alcuni di ispirazione iconografica che non ripercorro in questo momento, e quando lo stesso autore ci dice

* Ho raccolto, per la preparazione dell’intervento, alcune mie precedenti riflessioni in margine a un tema tanto vasto come quello della corte di Ro­ma e per alcuni aspetti ancora poco verificato. Ho preferito mantenere so­stanzialmente inalterato il contributo per gli Atti, e da questo dipende il to­no discorsivo. Alla bibliografia citata debbono fari da quadro di riferimento:

P. PARTNER, Renaissance Rome 1500-1559..., Berkeley-Los Angeles-London 1976; J. F. D’AMICO, Renassance Humanism in Papal Rome. Humanist and Churchmen on the Eye of the Reformation, Baltimore-London 19912; C. L. STINGER, Renaissance in Rame, Bloomington 1985; i diversi contributi regi­strati in “RR. Bibliografia e note”, 1985 e seguenti; e gli Atti del Convegno Roma capitale (1447-1527)(San Miniato, ottobre 1992), in corso di stampa.


(l’autore è il bresciano Bartolomeo Bayguera, scacciato dalla sua città per contrasti municipali, e in cerca a Roma di fortuna, tra fine Trecento e inizi Quattrocento, ma il testo viene letto pubblicamente a Brescia, intorno al 1430), tutti i segnali e la esplicita dichiarazione dell’autore « de quo­dam mirabili somnio contra sodomitas» dicono che il sogno non è altro che la trasposizione dei pericoli della vita in cor­te a Roma. Il peccato segnalato è quello della sodomia1.

Il racconto, espressione di un personaggio sicuramente le­gato all’ambiente papale, può introdurre alcuni elementi di un discorso sulla curia tra Quattrocento e Cinquecento: l’at­trazione della corte, composta in gran parte di personale non romano, proveniente da tutta Italia e da tutta Europa, una corte che è stata giustamente definita un’aristocrazia univer­sale; una realtà aperta alle diverse componenti sociali2, al cui interno italiani e forenses tenderanno a costituire delle di­nastie, con la trasmissione degli incarichi da padre in figlio, soprattutto dal momento della vendita degli uffici.

L’autore dell’Itinerarium romanum è espressione di una famiglia mercantile; in altri casi le componenti sociali sono diverse, ma sempre prevalenti gli italiani. Tra 1471 e 1527 il 60% circa del personale di curia è costituito da italiani. La stessa cosa si può dire anche per il ceto cardinalizio: il 60%, sempre tra 1471 e 1527, è di italiani. La percentuale aumenta ancora di più per il gruppo, all’interno dei curiali, che ha sempre avuto, soprattutto in questo secolo, una funzione ege­mone, quello dei segretari apostolici. In questo caso la per­centuale di italiani raggiunge circa l’80%3 .

All’interno della curia, proiettata non solo su l’intera Ita­lia, ma su tutto il territorio europeo, non in quanto espres­sione della struttura amministrativa dello stato della Chiesa, ma in quanto espressione della universalità della Chiesa stes­sa, si formano delle vere e proprie dinastie familiari di curiali. L’esempio dei Geraldini è uno dei più significativi in que­sto senso, e il libro di Peterson dedicato ad Angelo Geraldini ha chiarito quest’aspetto in maniera molto precisa4. Ma si potrebbero fare altri esempi: i Maffei di Volterra, i Cortesi di San Gimignano, gli Accolti, i Capranica e anche i Della Rove­re e i Piccolomini; famiglie che mantengono un legame con il luogo di origine, ma che a Roma contribuiscono a creare un ambiente sostanzialmente nuovo; che realmente costituiscono un’aristocrazia internazionale e costruiscono anche una cul­tura di segno nuovo. La corte di Roma (e la curia, ma il di­scorso andrebbe qui specificato: la curia è nella corte) è sicu­ramente in questo momento la corte per antonomasia. In es­sa si cerca una stretta integrazione tra aristocrazie locali e curia; è stato detto che si raggiunge anche un compromesso politico, ma per questo aspetto bisognerebbe verificare di vol­ta in volta.

La corte romana è certo atipica rispetto ad altre. Una di­versità che nasce dalla commistione di spirituale e temporale; dalla necessità di una sua proiezione su Roma e sullo Stato della Chiesa, ma anche su l’intero ecumene; dalla sua compo­sizione internazionale, ma insieme anche dal suo forte radi­camento nelle realtà sociali italiane; dalle necessità pontificie di rapporti politici con l’intera realtà italiana ed europea, che presupponeva un articolato sistema di relazioni capace di confrontarsi con le diverse articolazioni di potere delle altre entità politiche. In questa dimensione Roma è, per quanto ri­guarda l’Italia, per tutto il Quattrocento e per i primi decenni del Cinquecento, il centro di un gioco politico complesso e delicato che trova nella stessa curia uno dei suoi referenti. La corte romana finisce per essere l’occhio e l’orecchio, da dove si vede e si ascolta quello che succede nel mondo e dove si tenta di pianificare gli interventi a difesa degli interessi pon­tifici, utilizzando al meglio le conoscenze del personale co­smopolita che compone gli uffici. Cortigiani, curiali, munici­pali, forenses costituiscono altrettante componenti, per tempi più o meno lunghi, di questa comunità, con interessi diversi da difendere a seconda della loro provenienza, delle proprie biografie personali, della propria cultura e delle proprie pro­fessioni. La città è luogo di dibattito, la corte di mediazione, la curia di decisioni.

Dicevo prima che l’esempio dei Geraldini è, in qualche modo, un modello significativo e paradigmatico5. La fortuna curiale era cominciata con Angelo, che dà il segno all’impe­gno curiale anche degli altri Geraldini. In curia e al di fuori della curia, dal momento che l’elemento più significativo del­la sua biografia è legato agli incarichi diplomatici. Angelo ha attraversato l’Europa, ha mantenuto rapporti politici con il Mezzogiorno d’Italia, con la Spagna, con la Germania e con le terre danubiane. Ma la sua biografia è anche un modello per capire quale sia il senso di questa nuova cultura curiale: la formazione giuridica negli Studia, prima a Siena, poi a Pe­rugia; l’impegno diretto, e anche questo è un elemento im­portante e significativo, nel mondo universitario; l’attenzione ai Collegi che gli derivava da Domenico Capranica, fondatore del Collegio Capranica a Roma. Cooptato proprio da Dome­nico Capranica che lo aveva ascoltato in una disputa univer­sitaria a Perugia, anche in questo costituisce un modello a indicarci come avveniva, spesso, il reclutamento del persona­le di curia. Formazione giuridica ma strettamente integrata con la cultura di tipo umanistico, recepita tramite l’insegna­mento grammaticale e retorico, oltre che di maestri locali (e non sarà mai messa sufficientemente in rilievo l’importanza che hanno, ancora nel Quattrocento, gli insegnamenti gram­maticali all’interno dei comuni), di Francesco Filelfo. È l’inte­grazione tra formazione giuridica e cultura umanistica che porta alla formazione di una cultura nuova: uno dei valori più forti della nuova cultura curiale. Ma l’esemplarità della biografia del Geraldini è anche nei rapporti da lui avuti con il resto d’Europa e nella funzione che la sua presenza in cu­ria assume per la formazione di una verea e propria dinastia curiale, che è possibile seguire nella sua evoluzione 6. Angelo aveva cominciato come segretario apostolico nel 1455, era di­ventato abbreviatore con Caflisto III, datario con Pio II e re­ferendario nel 1472. Nel frattempo era stato nominato vesco­vo di Sessa Aurunca e poi vescovo non residente a Stettino, in Polonia7. Esemplare è anche la preoccupazione di Angelo di creare le premesse per la collocazione dei componenti del­la sua famiglia in uffici curiali o pubblici dell’amministrazio­ne pontificia, favorendo la loro formazione culturale e pro­fessionale attraverso « studia utriusque iuris et eloquenciae ». Nasce con Angelo una famiglia curiale, che continuerà con Camillo, abbreviatore apostolico dal 1457 al 14798; con Aga­pito, che alla morte di Camillo divenne abbreviatore apostoli­co, quindi segretario apostolico, segretario personale di Cesa­re Borgia, vescovo di Siponto dal 15009; con Antonio, proto­notario apostolico; con Angelo il giovane, notaio apostolico dal 1597, e fors’anche con Aloisio, abbreviatore apostolico dal 147210, oltre che con Alessandro, primo vescovo residente della diocesi di Santo Domingo.

Una famiglia di curiali che, a quello che sembra di capire, continua a mantenere rapporti con Amelia, fa di Roma il centro della propria ascesa sociale, è attiva in una dimensio­ne europea sulle scene politiche più importanti del momento. È un rapporto sicuramente stretto che si stabilisce con la corte romana, non sempre però in tutti i suoi esponenti di dipendenza ideologica passiva, che può essere considerato anche in questo caso esemplare e paradigmatico per capire, negli anni, gli atteggiamenti degli uomini di corte rispetto al potere pontificio; rapporto dialettico e in qualche caso con­trastato, non appiattito a una supina omologazione.

La curia e Roma divengono la seconda patria. Da parte degli umanisti vi è una lunga teorizzazione della duplex pa­tria all’interno della curia romana. Il tema era stato sviluppa­to da Coluccio Salutati e Leonardo Bruni; troverà esplicito ri­ferimento e ideologia politica e culturale, qualche decennio più tardi, in un’altra dinastia di curiali, quella dei Cortesi, quando sarà calato in un delicato rapporto politico tra Roma e Firenze11. La prima patria è quella naturale, la seconda Roma e la corte.

La più esplicita teorizzazione in proposito è di un perso­naggio di assoluto rilievo come Poggio Bracciolini, che indica bene il rapporto, che non è mai tranquillo, tra l’individuo e la curia stessa. La riflessione di Poggio, che confronta Roma con altre corti, è importante perché nel confronto sono da lui ridimensionati alcuni caratteri della sua “eccezionalità”, tanto da farne una corte come le altre, della quale non nasconde però la diversità, e di cui coglie i meccanismi psicologici. La corte non è per lui un corpo separato dal tessuto sociale, non è un organismo indenne da quanto accade al suo esterno e proprio per accogliere persone provenienti da realtà diverse finisce per recepire anche gli aspetti negativi di queste realtà. L’epistolario di Poggio è denso di riferimenti alle difficoltà, ai contrasti e ai dubbi di quanti vivono in curia. Ad esempio al momento di un primo allontanamento dalla curia, nel 1420, da Londra, in una lettera al Niccoli, registra le notizie di dif­ficoltà, anche economiche, che gli arrivano da Roma della vi­ta in curia, e annota la sua incertezza personale: se tornare « lì dove si fanno gli stentolini » o cercare qualche altra siste­mazione. Ma, e anche questo è molto interessante, le alterna­tive possibili, dice Poggio, sono soltanto «vel pueros docere, vel servire alicui domino, vel potius tyranno », o fare il mae­stro di grammatica, o mettersi al servizio di qualche signore o, per meglio dire, tiranno12. La scelta curiale diventa per gli uomini di cultura nel Quattrocento una scelta obbligata; an­che se occorre intendersi su questa definizione, perché lo stesso Poggio segnala come le alternative siano senza uscita. O il servizio presso le signorie italiane, ed è significativa que­sta equiparazione che Poggio esplicita tra signorie italiane e tirannide, la tirannia della vita a corte nel resto d’Italia, a fronte invece della vita in corte pontificia, e della libertà del­la vita in curia. Anche se poi, una volta tornato a Roma, Poggio non rinuncia, ad esempio, a indicarci le conseguenze disastrose del Giubileo del 1423, con Roma invasa da un di­luvio di « barbari », così li definisce, oppressa dal fetore e dalle epidemie causate da feci, sporcizia et pediculis13. Ma insieme, quasi contestualmente, racconta i vantaggi di una città dall’aria pulita, ricca di tutto fuorché di vino, tranquilla, non agitata da contrasti: « Summa hic pax, summa rerum tranquillitas »14 e i vantaggi di una curia, che non è giusto, dice nel 1425, giudicare in modo troppo negativo. È vero, ag­giunge, che molto potrebbe essere corretto, ma la situazione è un riflesso dei tempi, come per tante altre realtà. A Roma tutto diventa soltanto più evidente e arriva a conoscenza di tutti. Bracciolini coglie dall’interno il significato della corte di Roma: « Itaque cum reliquas curias quoque considero (consi­derando le altre corti) nihil video purum, nihil sincernm, nihil simplex ». Aggiunge inoltre che non tutti i vizi nascono in curia, ma spesso vi sono trasferiti. Ed ecco allora esplicitato il rapporto dialettico della corte e della curia di Roma con l’esterno, anche per quanto riguarda il vizio: la curia mette in evidenza i malvagi, più che cercarli, ed è l’insoddisfazione di quanti sono delusi nelle loro aspettative che amplifica una immagine negativa. Questo per indicare, anche all’interno di una riflessione critica sulla curia, l’insistenza sulla libertà della vita in curia. E da qui anche, come conseguenza quasi logica, la teorizzazione della curia, da parte di Poggio, come di una seconda patria15. Luogo il più celebre al mondo (è questo un topos, che si costruisce lungo tutto il Quattrocen­to), il più frequentato rispetto a tutti gli altri; dove si può avere la massima libertà, la libertà ad esempio di leggere con tranquillità Livio « in secretiori aula summi Pontificis, una cum egregiis quibusdam viris » 16; dove Poggio può essere in­formato sulle scoperte di nuove tradizioni di antichi testi; do­ve può trovare copisti per le sue necessità grafiche; anche se subito dopo aggiunge: luogo dove regna l’incertezza e la soli­tudine. È molto denso il rapporto complesso di Poggio con la curia, che è poi anche, in gran parte, il rapporto comune a tanti altri intellettuali in questo periodo. Rapporto che esplo­de nel momento in cui Poggio decide di allontanarsi definiti­vamente da Roma per ritirarsi prima a Firenze e poi in Val­darno. L’allontanamento da Roma e la riflessione su cosa ab­bia significato questo allontamento lo spinge a tracciare qua­si una autobiografia, ed è una autobiografia piena di amarez­za e di rimpianto: « ab adolescentia autem in curia quinqua­ginta annis sum educatus », ha vissuto in curia, e il termine educatus è ancora più pregnante: ha assimilato quanto era possibile assimilare dalla curia per cinquanta anni: « cuius moribus tamquam alterius patriae institutus ». La curia come seconda patria: «Non absque summa animi molestia et vete­rem amicorum consuetudinem et iam inveteratos mores, et diutius expertam libertatem reliqui », ha lasciato a Roma (tanto più significativo il confronto in quanto istituito con Fi­renze), ha lasciato in curia quella libertà che aveva sperimen­tato per tanti anni17. È proprio il tema della libertà, che è in questo caso l’autonomia dell’intellettuale, che riprende poi in tante altre occasioni; qualche volta venandolo di dispiacere per la decadenza della curia, altre volte invece, accentuandolo con l’accusa di un eccessivo aumento degli uffici curiali, altre ancora con il ricordo ribadito della curia come seconda patria e con il rimpianto di aver abbandonato quell’incarico: « ego quidem, ut de me profitear iam quintum et quadragesi­mum annum sum curiam Romanam secutus, lucro et questui operam honestam impendes », mentre in altre lettere il lucro si trasforma in una più ampia dignitas, personale e della fa­miglia; in curia è invecchiato « cum honore et dignita­tem »18. Ecco allora inserito un altro elemento: la curia è luogo anche economicamente vantaggioso, dove è possibile acquisire tranquillità di vita. Utile e onore sono i due termini che potremmo avere a guida per tanta parte del Quattrocen­to. È evidente che sono anche, in Bracciolini, riflessioni e rimpianti in margine a un tempo passato e irripetibile; così come è possibile cogliere nelle sue parole l’incapacità a capi­re la nuova diversa situazione curiale di metà secolo quando la curia si avvia ormai a diventare un organismo sempre più articolato e affollato, con nuovi uffici, soprattutto con perso­nale proveniente da ogni parte d’Italia e d’Europa e con la presenza di personaggi a lui non bene accetti. Solo negli ulti­mi anni, ormai in Toscana, Poggio contrappone, come giusti­ficazione alla sua scelta, un impegno tutto personale e fami­liare nel quale i momenti di libertà e serenità sono quelli dei colloqui con i morti. Affermazione quest’ultima che ricorre con frequenza quasi iterativa in alcune lettere tarde e che rinvia, ancora una volta, al rimpianto per la « antiqua scho­la » 19 che è insieme il vecchio consorzio di amici umanisti curiali, ma anche la scuola del grande passato.

Roma viene cercata per l’utile e per l’onore. Per lucro e per onore, come aveva detto Poggio. Perché la presenza della corte dà possibilità di guadagni a quanti cercano una siste­mazione, come era il caso di Bartolomeo Bayguera; a quanti lavorano in curia come Poggio; ai Romani che lamentano di essere esclusi dagli uffici curiali. Questo si coglie anche nei protocolli notarili, dove viene registrata quasi giornalmente, soprattutto nella seconda metà del Quattrocento, quando gli uffici diventano venali, la compravendita degli uffici curiali20.

Una testimonianza è quanto mai significativa. È Luigi Lotti che descrive a Bartolomeo Fonzio le difficoltà per avere una bolla e le lunghe discussioni per ottenere qualche rispar­mio, per averla a poco più sette ducati, quando ne chiedeva­no invece nove, dicendo che ne valeva dieci. Lotti annota « el conto particulare »: « ...per la supplicatione et reformatione et earum registratura... carlini 7 », all’abbreviatore « pro mi­nuta... ducati 1 », allo scrittore « ultra taxam videlicet pro scriptura et charta... carlini 5 »; per la prima visione carlini 1, « pro taxa scriptorum... ducati 7 e carlini 5 », per la tassa degli abbreviatori ducati 7; per i giannizzeri « pro officio eo­mm » due ducati e due carlini, e ancora un ducato per la lo­ro tassa pro annata; per la tassa per il piombo ducati 7; la tassa del registro ducati 7 e carlini 6; per la tassa per la regi­strazione ducati 7; per la registrazione della bolla carlini 5; per la obligatione in camera carlini 3. E ancora 20 ducati e 3 carlini alla Camera per il pagamento delle annate e per la quietanza, portavano in tutto il costo della bolla a 55 ducati e 3 carlini, che è somma notevole, e giustificava la riflessione del Lotti sugli anni che sarebbero passati prima che il Fonzio potesse recuperare quello che aveva speso: « considerata la spesa et pensione starete parecchi anni innanzi vegnate in sul vostro »21. Questa la realtà. L’immagine della corte è un’altra e vorrei in questo caso utilizzare un’iconografia ben nota, quella del­l’affresco di Melozzo da Forlì per l’apertura al pubblico della Biblioteca Vaticana. È un’immagine estremamente rarefatta, tutta proiettata in una atmosfera antiquaria, dove la corte è raffigurata in una struttura antica, con il pontefice Sisto IV circondato dai dignitari più prestigiosi, tutti sono suoi fami­liari, e con il Platina inginocchiato davanti a lui, che riceve la bolla di fondazione della Biblioteca22. Atmosfera rarefatta che trova in qualche modo un singolare contrasto, ma anche una parziale conferma, in quanto sentenzia un personaggio anonimo che definisce il significato di essere cortigiano a orio dei giovani, inferno di tutti, fatta una precoce consapevo­lezza di quello che deve essere lo statuto del cortigiano. Sia­mo agli inizi del Quattrocento, in anni molto lontani dal Cor­tigiano e in anni molto lontani dall’affresco: « Lo homo che usa in corte deve odir molto et responder poco, deve aver recchie de mercadante e grugno de porciello, et l’homo che magna pan de altri fora de casa soa deve fare ciò che se li comanda, fora tre cose furare et tradimento et cosa che di­spiaccia allo signore »23. Altri, di ambiente sicuramente di­verso, interpretava, alla metà del secolo, la condizione del cortigiano e interpretava anche una più diffusa coscienza dei romani, annotando sui margini di un manoscritto: «fate quello che deco’ li sacerdoti e non quello che loro fanno »24.

Sto seguendo una linea da una parte di curialità e dall’al­tra di anticurialità. Sono le due linee che avranno sviluppo alla fine del Quattrocento e nei primi decenni del Cinquecen­to e che porteranno, in area non italiana, e in parte in area italiana, alla Riforma. Nella tradizione dei cronisti municipali romani si annotano le cerimonie di Pasqua in San Pietro nel 1486 con la piazza piena di soldati e trasformata in un cam­po d’armi; si registra l’arrivo a Roma nel 1492 di nuove reli­quie: «lo santissimo ferro della lancia con la quale fu passa­to lo costato a nostro signore Iesu Cristo »; si conteggiano le indulgenze che i pellegrini lucravano a Roma: sette anni d’in­dulgenza per ciascuno dei ventinove gradini di San Pietro; si segnalano le proprietà magiche del sacro: il pilastro di Cristo proveniente dal Tempio di Salomone scaccia gli spiriti mali­gni, ed è quella stessa colonna che in quegli anni rappresen­tava il nucleo ideologico e formale della Flagellazione di Pie­tro della Francesca, e di altre iconografie. Non sorprende al­lora, all’interno dell’atteggiamento anticuriale, trovare ricor­dati i monasteri come lupanari e registrati i contrasti interni alla curia, anche se, in questo caso, la tensione polemica è tanto evidente e forte da spingerci a riequilibrare il giudizio. Dico questo per indicare che non è possibile leggere la corte di Roma, ad esempio, attraverso le parole di un cronista mu­nicipale come Stefano Infessura, esponente intransigente e polemico delle idee municipalistiche romane, ma è questo suo antipapalismo che spiega l’articolata situazione romana e chiarisce le diverse componenti, così come evidenzia le rea­zioni dei romani alla sottrazione degli uffici municipali dal naturale sorteggio per affidarli alla volontà del pontefice; sve­la il significato delle reazioni alla vendita simoniaca degli uf­fici di curia, alla concessione indiscriminata e strumentale della cittadinanza romana; spiega le reazioni contro il fiscali­smo dell’amministrazione pontificia, e contro guerre che so­no sentite come estranee25. È ancora una volta l’Infessura che racconta come la vita in curia trascorra « quotidie in sol­latiis et triumphis », con una voluta incomprensione dell’uti­lizzazione dell’apparato per quella che noi in termini moder­ni chiameremmo l’organizzazione del consenso. È l’Infessura a riflettere come la moralità dei sacerdoti e dei curiali sia ta­le « quod vix reperitur qui concubinam non retineat, vel sal­tem meretricem, ad laudem Dei et fidei christiane »; la sua polemica giunge a ricordarci che nei palazzi pontifici sono recitate commedie e tragedie «et quidem lascive », e anche questa è una voluta incomprensione di quella cultura umani­stica che è ormai patrimonio comune, e il cronista finge di non sapere che i testi rappresentati sono le commedie e le tragedie antiche 26. Ma è anche in questa città che si teorizza l’eccellenza della corte: ad esempio nel De curiae commodis Lapo da Castiglionchio il giovane propone i vantaggi della curia e come modello l’accademia ateniense; difende quanti vivono in curia caste atque integre, e riconosce che la corru­zione che vi dilaga e le colpe che travolgono tutti sono patri­monio comune di questa età 27. È Giannozzo Manetti che a metà del secolo teorizza che in corte di Roma « si trovano tutti i singolari uomini che avevano i Cristiani », ancora una volta proponendo la centralità di Roma e della sua corte. Ed è a Roma che per la prima volta si articola la riflessione più profonda sulla storia, sul passato e sul presente, sulle pro­spettive del futuro 28. Strettamente correlato a questa rifles­sione, in un rapporto non di dipendenza, ma dialettico, è il confronto tra laici ed ecclesiastici, tra mondo cristiano e bar­baritas, se si vuole una continuazione o un anticipo della querelle tra antichi e moderni, che viene però verificato su piani diversi da quelli della semplice affermazione della supe­riorità dell’intellettuale. Tutto questo avviene in una società dove si cerca una sintesi tra rappresentazione collettiva ed elaborazione individuale, tra interessi privati e tensione poli­tica, tra programma di governo e prospettive di promozione sociale della propria famiglia (gli esempi delle dinastie curiali hanno senso anche per questo). E dove contestualmente si torna a proporre la figura di Cristo come unicutn virtutis exemplar e si attribuisce nuovamente al pontefice l’immagine di rex imperator.

Negli stessi anni in Europa ha diffusione un dialogo in cui il giovane Pilade viene a Roma per vedere la città e per ottenere una bolla per un qualche beneficio. Torniamo alla linea anticuriale. È una satira violenta contro la curia roma­na, introdotta ancora una volta da un sogno29.

Si immagina in questo caso, ed è inutile ricordare la tra­dizione, una selva abitata da fiere mostruose, in cui si sperde un amico di Pilade. Nella selva lupi rapaci mangiano, deglu­tiunt, coloro che passano. Né vi è alcuno, per quanto veloce, anche veloce come cervo, che riesca a evitare le fauci rapaci dei lupi. Fosse anche Teseo, fosse anche Ercole fortissimo, nessuno riesce a salvarsi da questi mostri infernali: « Silvam qua venio latissimam quedam horrende fere inhabitant, cor­poribus quidem perhumane, intus autem lupina rapacitate sevientes, que pretereuntes deglutiunt »30. La selva è Ro­ma, ormai completamente identificata con l’immagine negati­va della corte e della curia. Racconta l’autore, infatti, subito di seguito, il suo sforzo per avere un documento in curia e sembra quasi di ripercorrere la lettera del Lotti a Bartolomeo Fonzio. Entrato: « confestim novam predam intuentes lupi fa­melici in eornm speluncam cecidisse, parte qua lanam ovis discerperent avisarunt. Nec momenta duo effluxerunt, et ecce duo ex illis quasi ceteris famulantes latus utrumque ambien­tes me antrum in unum detruserunt, quo ante presidentis fe­re tribunal effrenate vellerum suorum oves vidi pati divorcia. Ibi tot a me satelittes presidentis abstulere spolia, quod mini­mum posteris reliquerunt.

Unus decernebat, alii inscribebant, alii prede avidissimi ferventer mee spoliacionis procurabant sententiam ». Mi spo­gliano, mi depredano tanto da lasciare poco per gli altri; uno guardava, altri scrivevano, altri avidissimi si buttavano sulle mie spoglie per darmi il documento31. Quindi così rasato passo a un altro gruppo di lupi: « quo nefandissima usura pellem vividam pro membrana martiri commutare coactus martiris ad instar pellem propriam exutus sum ». La satira è costruita sul gioco delle parole; la pergamena del documento è la pelle del richiedente, martirizzato dalle pretese venali dei curiali, a recuperare momenti di tradizione antica, precedenti anche ad Avignone: « Deinceps sic tonso vellere ad alium ma­gis ferorum specum luporum minatus sum, quo nephandissi­ma usura pellem vividam pro membrana martiri commutare coactus martiris ad instar pellem propriam exutus sum . La violenta invettiva si conclude con quest’immagine: « Est certe romana curia latronum spelunca, simonie trapezetum (giardi­no della simonia), aula superbie, gule sepulchrum, luxurie pa­lus cunctorumque malorum congeries... »32.

Su questi temi si articola l’immaginario collettivo. Nel 1495 si racconta come un’inondazione travolgesse Roma e riempisse d’acqua tutta la città; quando la piena si ritirò fu trovato sulle rive del Tevere, tra Castello, che è il centro del potere militare della città, e Tor di Nona che sono le carceri della città, un animale mostruoso. Chi racconta è un veneto:

« È sta’ trovà in Roma, el mese presente de Zener, da puo’ che ‘1 Tevere è calao, su la riva del fiume, un mostro che par che abia la testa d’aseno, con le rechie longhe, e ‘1 corpo de femena humana; el brazzo zanco de forma humana, el destro ha in cima un muso de elefante; da drio, in la parte poste­rior, un viso da vechio, con la barba de forma humana; ghesce per la coa un colo longo con una testa de serpe, con la boca averta; el pe’ destro de aquila con le griffe, el pe’ zanco de bo’; le gambe dalla pianta in su, con tutta la persona squamosa, a similitudine di pesce”33. È l’immaginario, un immaginario con forti tensioni politiche e religiose, un im­maginario fortemente polemico, che torna a dominare Roma e che trova immediatamente riscontro nelle xilografie che si diffondono per l’Europa. Il testo scritto, raccontato, trova un immediato equivalente in iconografie contemporanee. Su Ca­stello sventola il vessillo pontificio con le chiavi incrociate della Camera apostolica, emblema di fiscalismo e di potere temporale; ancora più opprimente è la squadrata figura di Tor di Nona. Sembra così anche realizzato il sogno di Barto­lomeo Bayguera dal quale avevo iniziato. La città è rappre­sentata come un mostro squamoso, ermafrodito, con la coda setolosa e velenosa (simbolo fallico la coda, della tentazione il serpente), con un piede ungulato (la ferocia devastante), e l’altro aquilino (l’Anticristo), con la mano destra ridotta a un moncherino, con la testa di asino (l’ignoranza), sul dorso una maschera diabolica e grottesca, come quelle che ormai deco­ravano stipiti di chiese e festoni di palazzi. La lupa ha acqui­stato tutti gli attributi di Satana e Roma torna a essere Babi­lonia34. Sono gli stessi temi che addenseranno le pagine vio­lente di Lutero e Melantone, ma che troveranno fortuna an­che a Roma e in Italia. Roma è, e siamo al 1527, l’anno del Sacco della città, di nuovo « orfana città »; la città che aveva favorito la teorizzazione della duplex patria, che era stata pri­ma communis patria, torna a essere una città orfana. Nella Lozana Andalusa, testo quanto mai suggestivo e quanto mai segnato da fortissimo anticurialismo, si teorizza Roma come meretrix et concubina peregrinorum, trionfo dei ricchi, paradi­so delle puttane, purgatorio dei giovani, inferno di tutti, fati­ca delle bestie, illusione dei poveri, covo dei furfanti, non per nulla si dice Roma Babilonia35.

Esistono quindi due linee diverse di lettura di questa real­tà di corte, linee nettamente divaricanti e contrapposte. Al­l’interno sta l’articolata realtà della corte di Roma, che per­metteva a personaggi come Alessandro Geraldini di percorre­re il nuovo mondo. E riflettiamo ancora una volta sulla for­mazione di Alessandro: anche in lui, sul modello di Angelo, una cultura giuridica mescidata a una cultura fortemente umanistica, che gli permetterà di arrivare nelle terre da poco scoperte e di pensare, dettare versi latini, come omaggio alla madre, e progettare di porre quei versi nell’isola Graziosa e poi realizzare un’epigrafe, in cui credo si attui completamen­te il valore simbolico della scrittura. Versi in esametri proiet­tati su di una nuova realtà, di segno totalmente diverso, a in­dicare le traiettorie quasi infinite della nuova cultura che si èformata a Roma, nel Quattrocento e nei primi anni del Cinquecento36.

RITA CHIACCHELLA

1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   31

similar:

Atti del Convegno storico internazionale iconLeonora. Melodramma in quattro atti, música del Mtro. Mercadante

Atti del Convegno storico internazionale iconRefugio del desdichado, liberación del prisionero, blando regazo...

Atti del Convegno storico internazionale iconEl pollo (gallus del del Gallus del ) es un tipo de las aves domesticadas...

Atti del Convegno storico internazionale iconPanaderia y pasteleria para ser excluidos del iva se requiere de...

Atti del Convegno storico internazionale iconRegulación neuroendocrina del hambre, la saciedad, del peso corporal y del apetito

Atti del Convegno storico internazionale iconManual del Miembro del Programa del Seguro de Salud Infantil chip...

Atti del Convegno storico internazionale iconLa nutrición es principalmente el aprovechamiento de los nutrientes....

Atti del Convegno storico internazionale iconEl síndrome de Asperger (SA) es un trastorno del espectro del autismo...

Atti del Convegno storico internazionale iconEliminación del virus del papiloma humano mediante estimulación eléctrica...

Atti del Convegno storico internazionale iconPresentación a cargo del capacitador de las posibilidades didácticas...




Todos los derechos reservados. Copyright © 2019
contactos
b.se-todo.com